domenica 3 giugno 2012

venerdì 11 maggio 2012

Popoli e culture dell'Africa


Prova di capillarità


La dieta mediterranea


Salviamo l'ambiente


La riforma protestante


La fermentazione del lievito


Progetto A.N.C.A.

venerdì 27 aprile 2012

Premio NICKLELODON


Riflessioni sul miglior cortometraggio del premio NICKLELODON
Macula Cieca
Storia:
Il cortometraggio inizia con un venditore ambulante extracomunitario che trova un portafogli in terra. Questo venditore ambulante bussa alla porta di una villetta, dove incontra un uomo, che pensando desideri vendere qualcosa, lo manda via con una moneta. Non sa però che il venditore gli vuole soltanto restituire il portafogli. L’uomo, sentendosi in colpa, vede dall’occhiello della porta l’ambulante con una faccia delusa e triste. Quando va via, apre la porta e vede una busta con il suo portafogli, i documenti, i soldi e tutto il resto.
Riflessione:
Ho voluto scegliere questo cortometraggio perché noi italiani (come in tutto il mondo) abbiamo troppi pregiudizi verso gli extracomunitari, ma anche perché, come dice alla fine il cortometraggio, in cento anni noi italiani siamo emigrati in 24 milioni all’estero, adesso sono 5 i milioni di stranieri in Italia. La discriminazione contro gli extracomunitari è una cosa che non fa onore a noi italiani e a tutti coloro che nei confronti di questa gente, hanno un odio profondo e discriminatorio.


Francesco Ceccaroni

Itaca


ALLA DANTE ALIGHIERI SI PARTE PER ITACA... DOPO AVER ACCECATO 'IL CICLOPE'

(Di "Spoletonline")


Pensieri e...parole...

(Realizzato da tutta la classe)

I 4 Evangelisti

(Realizzato da me e Federico)

mercoledì 25 aprile 2012

Rispetta gli altri


Rispetta gli altri
Video fatto per il progetto "Ciak si guida", usando il Movie Maker
(Realizzato da me, Federico, Laura, Luigi e Maxime)

lunedì 30 gennaio 2012

Progetto A.N.C.A.

 Progetto A.N.C.A. 
Sabato 21 Gennaio, sono venuti a scuola i ragazzi del progetto A.N.C.A. Gino, uno dei ragazzi, ha iniziato a parlarci della sua storia riguardo alla dipendenza dall'alcool e dalle droghe. Lui aveva iniziato a drogarsi e a bere a soli quattordici anni quando andava in discoteca. Iniziò a bere per “sballo” e per essere accettato dal gruppo. Lui beveva molto, ma abusava anche di droghe come l'anfetamina. Diceva anche che se non beveva o non si drogava per qualche tempo, gli iniziavano a tremare la mani e provava dolore ai reni. L'alcool lo aiutava a“dimenticare” i suoi problemi familiari, anche se quando finiva l'effetto della droga, si sentiva peggio. Quando si abusa, ha detto che “sembra di essere in un altro mondo”, come ebeti. Lui quando andava in discoteca, vedeva a volte persone che erano andate sotto shock. Ha visto morire molti suoi amici quando avevano diciotto anni. Gino ha smesso di bere e di drogarsi a trentasei anni. Agnese e l'altra ragazza ci hanno fatto vedere delle foto alla fine e dovevamo scrivere che cosa pensavamo e provavamo guardandole. Le prime due raffiguravano Valentino Rossi e Federica Pellegrini. Io ho scritto che sono due campioni italiani. La seconda foto era di una birra con un messaggio subliminale in inglese che diceva “fai la tua birra”noi abbiamo riflettuto su questo e ci siamo salutati.